I salotti di ottobre 2018 parlano anche di….. ESSERE VERI – TU TI FIDI DI ME?

, I salotti di ottobre 2018 parlano anche di….. ESSERE VERI – TU TI FIDI DI ME?, COEMM, COEMM

 

Tema del mese di ottobre a cura della Presidente COEMM INT’L Maura Luperto
(Leggete queste parole come se fossero vostre, come se vi appartenessero, siete voi a pronunciarle)
La fiducia genera sicurezza, una sicurezza che ti fa percorrere strade nuove, impensate fino a poco fa. La fiducia crea, perché solo con la fiducia accogli il nuovo senza le barriere della paura.
Io ho preso una decisione, l’ho fatto con la consapevolezza che nonostante le difficolta tutto è possibile. Sto mentendo? No, se mento vuol dire che ho paura, ed io non temo nulla.
Devo proteggermi da quello che pensano gli altri? Mi importa ciò che pensano gli altri? Ho paura di essere percepito dagli altri per ciò che non sono?
Sono ancora così insicuro di me da dovermi per forza appoggiare al giudizio degli altri oppure ho acquisito una consapevolezza del mio Valore e costruito una solida base su cui appoggiarmi a prescindere da ciò che mi accade intorno?
Quando ho paura del giudizio allora temo me stesso, mi sento in pericolo e mi creo una struttura per difendermi, ma le difese che uso creano ostacoli che generano danni. E così vedo me stesso rinunciare a un passo dal traguardo, adducendo scuse morali, o delusioni, o stanchezza, o problemi famigliari o….. o…….o……..
Ho investito sulla paura, io ho chiamato la paura! Se invece investo sul Valore, è su di esso che mi reggo.
Quando scelgo con paura creo il bisogno di mentire. Ma se conosco il mio Valore non cerco di imitare nessuno, non ho bisogno di provare di essere nel giusto. Io lo so!
Io sono vero, ed è per questo che non controllo, non decido al posto degli altri, lascio che tutti esercitino la loro capacità di scegliere, è così che si ottiene l’equilibrio.
Io so di essere degno delle mie scelte e so che anche gli altri lo sono.
Allora come faccio a trasmettere il mio sentire? Lo faccio con l’intento. La frequenza del mio pensiero, del mio cuore è vibrazione che diventa esempio.
Che vuol dire vivere una vita che sia d’esempio?
Vuol dire lasciar andare quegli aspetti di me che hanno vissuto nell’inganno e nella paura e restare nella verità. Vuol dire liberarsi da tutte le maschere.
La verità non si vanta, non canta lodi e non fa del male intenzionalmente.
Puoi rompere un sistema corrotto che agisce attraverso il controllo degli altri con la verità, puoi far emergere in superficie qualcosa che può essere visto in modo nuovo. Ma c’è qualcosa di cui bisogna sempre stare attenti e cioè l’intenzione della paura che pretende di sapere quale sia la verità.
Maura Luperto

I salotti di ottobre 2018 parlano anche di…
A cura di Maurizio Sarlo …

(“Leggete queste parole come se fossero vostre, come se vi appartenessero”. Siate voi a pronunciarle, magari dopo aver appreso le vere cause che generano cicliche crisi e povertà per tanta e tanta Gente).

Il mese di ottobre ci separa, di poco, dalla data della conferenza indetta per le ore 11 dell’11/11/2018(11)…

Si nota un rinnovato fermento nei salotti CLEMM. Che tale fermento sia però del tutto positivo? Per capire bene, si dovrà attendere le prime due/tre settimane di questo ottobre 2018. Ma il Progetto COEMM andrà avanti a prescindere, perché arriverà al successo pieno per convincere la maggioranza degli Italiani, grazie ad esempi concreti di tipo epocale,

Rileviamo, infatti, un grande numero di Persone allineate al progetto COEMM le quali, però, per ora, non superano il 35% del totale di iscritti.

Cosa vuol dire essere Allineati?
Beh, vuol dire quel che segue:
1. Partecipare attivamente ai salotti di fine mese
2. Dimostrare, con un selfie sorridente, che nel salotto ci si crede e diffonderlo agli altri
3. Aderire economicamente, se si può, al libero contributo di un solo euro al mese…
4. Usare le 4 regole nei confronti del Prossimo, per aiutare una rete di Persone, più diffusa possibile, a promuovere un buon “passa parola” sulle vere cause che generano povertà e crisi, nonché le soluzioni per migliorarne ogni originario illogico aspetto
5. Leggere i post del fondatore e della Presidente COEMM (che mirano ad elevare molte coscienze)

Tutti gli Italiani devono prendere consapevolezza di essere entrati in un periodo economico e sociale che potrebbe rivelarsi davvero drammatico.

Vedere “esultanze pericolose” come quelle “dell’affaccio dalla finestra di Palazzo Chigi”, promosse da Di Maio per l’avvenuta votazione sulla Legge per il Reddito di Cittadinanza, è davvero avvilente.

La maggioranza degli Italiani, su tale misura, ha pareri davvero poco edificanti.

Da una parte c’è una opposizione parlamentare che accusa tale iniziativa con le motivazioni più idiote che un Essere Umano dovrebbe avere; ovvero annunciare che non sia etico e giusto dare un reddito a “chi non lavora o, per meglio dire, non sa trovar lavoro”.

Poi ci sono le esultanze del vertice 5Stelle e l’appoggio del “Carroccio” (per dovere di appartenenza allo stesso Governo). Le esultanze del vertice M5Stelle, per il “reddito di cittadinanza”, non tengono conto delle seguenti criticità;
1. I fondi necessari per tener fede a tale misura provengono da un sovra indebitamento dell’Italia verso i poteri forti della finanza internazionale;
2. Tale misura obbliga, di fatto, il Cittadino in difficoltà economiche, contrariamente a quanto reciti la Costituzione Italiana, ad accettare qualsiasi attività lavorativa gli venga prospettata, pena la perdita del sussidio. Ma se lavoro autonomo se ne trova sempre meno, cosa si prospetta all’orizzonte per far “lavorare” chi perde il lavoro (sempre più sostituito dalle macchine)?
3. A determinare una pericolosa “guerra tra poveri”, fra chi deve cercarsi un lavoro in tutta autonomia e chi si affidi a tale misura per dover dare dignità alla vita della propria famiglia e alla propria
4. Oltre a indebitare tutti gli Italiani, questa manovra ha l’effetto di portare i lavoratori alla paranoia ed a subire un palese schiavismo (aumenteranno indebitamento verso l’estero ma anche depressioni e malattie degenerative e quindi maggiori costi per tutti)
5. Attiva un meccanismo perverso che porta chi “presta il denaro alla Stato” a potersi acquistare tutte le infrastrutture e i servizi strategici e farli poi pagare alla collettività
6. Una misura che, proprio a causa del punto precedente, non è idonea a far girare l’economia reale, ma solo quella che sottostà alle regole delle lobby, che affamano e schiavizzano le maggioranze, facendo arricchire quei pochi che vorrebbero sostituire tre quarti della Popolazione di base con i robot. Scenario per nulla distante nel tempo, se non si fermano pesticidi in agricoltura, vaccini abusati, scie chimiche prima di ogni pioggia).

Fra sei, sette mesi (forse un anno?), una gran fetta di Italiani inizierà a soffrire, sempre più, per l’inevitabile avanzamento delle comico-drammatiche crisi. A quel punto, sempre gli Italiani, si troveranno nuovamente e anticipatamente a dover andare alle Urne, al fine di rieleggere un Parlamento che sappia porre saggezza e moderna creatività in un programma di equilibrio e, finalmente, di cambio di paradigma.

Il progetto/programma COEMM & CLEMM è l’unica ricetta possibile. Abbiamo già iniziato a convincere molti e dopo “l’ 11/11/11”, convinceremo sempre di più. Noi vogliamo essere umili, etici, saggi ma determinati: come la goccia che scava la roccia! E per tradurre in politica di Partito quanto sopra, nel caso i Partiti tradizionali non vogliano “svegliarsi”, c’è il PVU (Partito Valore Umano).

Il programma COEMM (che è stato ripreso dal PVU) è come Una “goccia”, che riempie di energia positiva sempre più cuori; cuori di una Italianità che deve insegnare al Mondo “la via, la verità e la vita”!

Oggi, si deve e si può!
(Altro, che ipocrisie e negative furbizie)!

Maurizio Sarlo

 

I salotti di ottobre 2018 parlano anche di….. ESSERE VERI – TU TI FIDI DI ME?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su