Maura Luperto – Riflessioni – L’arte d’amare.

, Maura Luperto – Riflessioni – L’arte d’amare., COEMM, COEMM

Riflessioni di Maura Luperto Presidente COEMM INT’L

Di solito ciò che distingue l’uomo dall’animale è che il primo sta in piedi su due gambe mentre il secondo cammina a quattro zampe; l’uno parla, l’altro emette versi caratteristici. Il primo sorride, ride e piange, il secondo no.
Però si può aggiungere che l’uomo ha i sentimenti mentre l’animale è guidato dall’istinto. È esattamente così anche se ci piace immaginare che gli animali abbiano reazioni affettive tipicamente umane.
Ciascuno di noi dispone di una gamma di emozioni pertanto ognuno ha un proprio modo di amare.
A volte i sentimenti non sono gratuiti ma sono spinti dal desiderio, dalla bramosia, dalla ricerca di affermazione o di riconoscenza ammirativa, dal bisogno di piacere e di soddisfarsi, dalla sete di conquistare, di dominare, di possedere, dalle passioni, dagli impulsi.
L’amore saggio, riflessivo, sereno, equilibrato, che rende generosi, benevoli e solidali, è quello che noi comunemente chiamiamo amicizia.
Ma non dimentichiamo che l’amico/a possono essere anche l’amante o la fidanzata/o e che sono i nostri principi morali ( influenzati dalla religione) che fanno dell’amico un essere asessuato.
Non era così nell’antichità, dove l’amore e l’amicizia si confondevano talmente bene da essere un’unica cosa.
Oggi viviamo l’amore in modo diverso, per esempio assistiamo a sempre più divorzi e spesso le coppie che sembravano amarsi profondamente sono quelle che si fanno una guerra furiosa.
Non è che ci siamo persi qualcosa?
Anticamente era diverso. Nel cuore e nell’anima degli antichi era l’universo di Eros, dei puri istinti dei desideri e dei piaceri sensuali a dominare. Questi erano bisogni vitali che nulla avevano di perverso poiché erano manifestazioni naturali dell’individuo. Indicavano una specie di sublimazione intellettuale e spirituale dell’amore che dava a una persona la possibilità di esprimere quella parte dell’anima che apparteneva a lui soltanto e lo distingueva dagli animali.
Quando ci troviamo davanti ai due aspetti dell’amore inteso come desiderio da una parte, e come dono, dall’altra, allora sappiamo che l’uomo che è un essere dotato di intelligenza è anche capace di amare perché l’uno e l’altro non servono a nulla se non vengono coltivati. E sembra proprio che la cultura dell’amore sia ancora lontana……..
Maura Luperto
Maura Luperto – Riflessioni – L’arte d’amare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su