Quando aboliremo gli “Ordini” in Italia?? Tranne quelli Militari e Religiosi, legittimissimi, è sempre troppo tardi!

, Quando aboliremo gli “Ordini” in Italia?? Tranne quelli Militari e Religiosi, legittimissimi, è sempre troppo tardi!, COEMM, COEMM

Quando aboliremo gli “Ordini” in Italia?? Tranne quelli Militari e Religiosi, legittimissimi, è sempre troppo tardi!
E, soprattutto, quando capiremo davvero quale sia la vera Politica da premiare?

Nella modernità tecnologica e dei saperi, secondo noi, non può rimanere ancora a lungo, in Italia, una pratica politica che riteniamo “borbonica e obsoleta: lamentarsi di tutto ma non conoscere le vere cause di crisi e povertà”. Magari premiando lobby dispendiose ed inutili come quelle degli Ordini Professionali! Una pratica tutta “Italiota”, che sembra fatta ad hoc per alimentare le stese lobby, i potentati, le divisioni ed il contrario di ciò che si deve definire etico e altruista!

Per gli Ordini Professionali, delle due l’una: o le Scuole, le Università e i Ministeri di uno Stato democratico devono essere luoghi Istituzionali super partes e credibili, oppure che ci dicano ufficialmente che serve abolirli (che le terremmo a fare, altrimenti, queste Istituzioni Pubbliche?)!

Sul seguire la buona Politica ci si soffermi solo sulle evidenze dei programmi dei Partiti.

Secondo il Programma COEMM ed ora anche PVU, con le Università ci si deve laureare in ogni campo professionale e poi lasciare il compito di monitorare e controllare, ogni comparto professionale, unicamente al Ministero competente in materia.

Se uno diventa Medico, per esempio, lo deve stabilire una moderna ed efficiente Università riconosciuta! Lo stesso valga per Ingegneri e Architetti, Etc Etc. Magari promuovendo al meglio la far pratica, prima di consegnare il
laureato alla definitiva sua professione ed all’impatto che questa avrà sull’intera Comunità!

Nessun altro istituto privato dovrebbe poi intervenire, più degli Organi Statali, per limitare le funzionalità e le ricerche di un Laureato!

È questo lo Stato che sogniamo e che stiamo portando, democraticamente, a consigliare ad ogni Italiano.

Gli “Ordini” (privatissimi), quelli dei Medici, degli Avvocati, degli Psicologi, di Architetti e di Etc Etc, che vedano nel nostro Programma socio-culturale e politico una loro perdita di potere, sappiano di avere “i mesi contati”!
Lo stesso valga per gli attuali Parlamentari.

Entro il tempo dovuto, il nostro “PROGRAMMA” diventerà la maggioranza democratica del Paese Italia ed andrà a favorire Leggi di perfetto e valoriale equilibrio: fra costi e benefici.

Crediamo, infatti, sia giunto il tempo per unirsi e far sedere attorno a tavoli di confronto, chiunque sia titolato a confrontarsi sul presente e sul futuro dell’Italianità, nonché del Paneta Terra.

Noi del PVU ci stiamo lavorando alacremente. Sappiamo che le soluzioni esistono in ogni campo. Partiamo da (quasi) zero risorse economiche.

Per portare equilibrio e far diventare l’Italia il Paese di miglior esempio pilota al Mondo, serve che, ogni Persona di buona volontà, interroghi la propria coscienza e, ponendosi di fronte ad uno specchio, “lanci” le seguenti domande:
1. sono soddisfatto della realtà sociale che oggi c’è in Italia?
2. sono soddisfatto della percezione di sicurezza sulla nostre vite?
3. sono soddisfatto dei costi, sempre maggiori, imposti da Soggetti Privati a: acqua, energia elettrica, gas, carburanti per autotrazione, scuole, ospedali, strade, Ferrovie, Arerei, Navi?
4. sono soddisfatto della qualità dei cibi e delle bevande che ci impongono, sempre più pregni di pesticidi?
5. sono soddisfatto per tutti gli insegnanti di sostegno che ci sono nelle Scuole per i nostri ragazzi? Non ci chiediamo come mai e da dove provengano così tante patologie?
6. sono soddisfatto delle politiche di OBBLIGO VACCINALE, che riversano sulla pelle di ogni piccola creatura, sfruttando l’ignoranza e le atroci paure diffuse, a causa dei troppi Soloni in TV, agli ignari Genitori?
7. sono soddisfatto di tutti i politicanti che siedono oggi in Parlamento? E delle loro “ricette” fatte di slogan, ma prive di contenuti positivi, per invertire la rotta che sarà di crescenti crisi e povertà?
8. sono pronto a subire supinamente i disastri che, in mancanza di veri criteri evolutivi, il clima evidenzierà sempre più?

Chi è stufo di tutte le atrocità, che ci vengono “chirurgicamente somministrate” da vertici lobbistici, deve quindi impegnarsi ed unirsi in una RETE etica, altruistica e per nulla pericolosa, sostenendo il PROGRAMMA MONDO MIGLIORE del PVU.

Lo si può fare da Attivisti PVU
(Tesserandosi )

Lo si può fare da simpatizzanti PVU;
(sia da dentro al PVU, che da esterni e aderenti ad uno dei tanti CLEMM presenti in Italia).

Comunque uno lo voglia fare, è sempre da considerarsi un piccolo “sacrificio”, ma di immenso valore e di utilità sociale.

Chi sta a guardare, oppure pensa di fare qualcosa di positivo tifando per gli altri Partiti esistenti in Italia, dovrà confrontarsi con il “grande sacrificio” che le realtà sociali e ambientali ci dimostrano e, se non si cambia politica, dimostreranno sempre di più! Questo si, sarebbe da considerarsi un grande sacrificio!

Forza, abolire ogni “ordine”, anacronistico e di “sistema magna magna”, è un dovere di Buon Padre di Famiglia. Altrimenti, nessuno si lamenti dei drammi di Venezia che si allaga, benché si siano investiti 7 miliardi di fondi, concessi al Mose, o dei crolli dei Ponti come quello Morandi…

Noi abbiamo iniziato il buon cammino e, sempre di più, andremo per ogni VIA d’Italia a cercare di evolvere le coscienze e diventare etiche “Antenne Rice Trasmittenti”.

Rosa Parks, nel 1955, da sola, ha iniziato una battaglia e, unendo molti, ha poi sconfitto le abominevoli Leggi razziali di allora.

Noi dobbiamo unirci nel PVU, senza alcun vero sacrificio, ma comprendendone l’azione, perché nel PROGRAMMA PVU c’è la soluzione valoriale per portare equilibrio all’Italia e poi al resto del Mondo. Oggi, si deve e si può.

PVU, pensaci tu.

https://www.fanpage.it/attualita/venezia-affonda-e-il-mose-non-ce-7-miliardi-buttati-per-vedere-san-marco-allagata/

Quando aboliremo gli “Ordini” in Italia?? Tranne quelli Militari e Religiosi, legittimissimi, è sempre troppo tardi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su